SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO?
NESSUNA SPESA A TUO CARICO. PAGHI SOLO SE RISARCITO.

SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO?
NESSUNA SPESA A TUO CARICO. PAGHI SOLO SE RISARCITO.

Abbiamo fatto varie riflessioni sull’emergenza Coronavirus. Anche se di solito parliamo di casi di malasanità, non abbiamo mai puntato il dito contro la categoria dei medici professionisti. Semmai è il contrario.

Non si difende, tuttavia, il prestigio della categoria (la migliore d’Europa secondo il nostro I Rapporto sul Sistema Sanitario, Minerva 2017) nascondendone errori e comportamenti francamente inconcepibili. In armonia con il nostro intento di mettere in luce i professionisti bravi e denunciare gli errori commessi da alcuni medici non sempre adeguatamente preparati e proprio a dimostrazione che il nostro studio non è – per partito preso – contrario ai medici eccoci qui, pronti a volgere un plauso a tutti gli operatori sanitari, medici, infermieri e altre figure sociosanitarie per l’attività preziosa che stanno prestando in questi giorni.

Lo scenario nato dall’emergenza Coronavirus è sotto gli occhi di tutti. Numerose sono le immagini che ritraggono il dietro le quinte delle sale di rianimazione, delle corsie sovraffollate, delle sale di terapia intensiva, degli stand fuori dagli ospedali, immortalando medici, specialisti, infermieri e operatori socio sanitari alle prese con il Coronavirus; in  genere stanchi e stremati da turni paradossali e da una situazione ingravescente che li vede protagonisti indiscussi.

L’unione fa la forza e non ci sembra questo il momento giusto per accusare qualcuno per qualcosa perché ora come ora serve coesione, indipendentemente da tutto il resto. La nostra voce si associa a quella della stragrande maggioranza degli italiani e, all’unisono, ringraziamo chi sta facendo il massimo per studiare il Covid19, per conoscere i suoi aspetti più invalidanti, per curarne i sintomi, per lenirne gli effetti, per fronteggiare l’emergenza Coronavirus pur mettendo a serio rischio la vita propria e quella dei loro prossimi congiunti.

Torna in cima