L’infezione da covid-19 è considerata infortunio e quindi risarcibile dalle assicurazioni

L’infezione da covid-19 è considerata infortunio e quindi risarcibile dalle assicurazioni

In questo periodo di pandemia si è assistito al dibattito sulla natura dell’infezione da Covid- 19 e quindi se considerarla come malattia o infortunio, perché a seconda dell’adesione dell’una o dell’altra tesi, è previsto un indennizzo o meno.

Secondo una corrente della giurisprudenza, l’infezione da coronavirus è da includere nell’ambito della malattia perché non sarebbe presente la causa violenta che caratterizza l’infortunio; mentre secondo l’altra posizione, la stessa va inquadrata nell’ambito dell’infortunio perché sono presenti tutte le peculiarità che distinguono l’infortunio dalla malattia.

Si rammenta che l’infortunio è definito come evento determinato da una causa violenta, fortuita ed esterna, in grado di determinare lesioni constatabili che, nei casi più gravi, possono portare alla morte.

Analizzando il caso di infezione da covid-19, si avrà:

  • la causa fortuita, che è rappresentata dal contagio in modo assolutamente non volontario;
  • la causa violenta, che è data dall’alterazione dello stato normale di intere parti dell’organismo- in questo caso apparato respiratorio-, che può determinare sofferenze e nei casi più gravi la morte;
  • la causa esterna, che è determinata dal virus perchè proviene dall’esterno ed è estraneo al corpo umano.

L’art. 42 del decreto legge 18/2020(decreto cura Italia), pone fine alla discussione sul profilo dell’infezione da coronavirus perché stabilisce che i casi accertati di infezione da Covid-19, sono equiparabili agli infortuni sul lavoro per fini Inail e quindi vengono risarciti.

Dott. Luigi Pinò


by Published On: Aprile 28th, 2022Categorie: Flash News

Post Recenti

Post Correlati