Muore al pronto soccorso, dopo tante ore di attesa per essere visitato

Muore al pronto soccorso, dopo tante ore di attesa per essere visitato.

La triste vicenda del paziente deceduto, dopo aver atteso per circa 9 ore al pronto soccorso di Pescara, ha fatto riemergere la situazione critica che si sta vivendo nei Pronto Soccorso e ha suscitato indignazione per quanto si è verificato nella regione abruzzese.

La situazione attuale nei vari presidi di medicina d’urgenza purtroppo risente della gestione politica degli anni precedenti in ambito sanitario, caratterizzata da numerosi tagli che hanno portato ad una minor efficienza degli stessi determinata da un personale ridotto ed incapace a rispondere, nel più breve tempo possibile, alle esigenze di tutti.

La mancanza di organizzazione e di programmazione rappresenta alcuni aspetti critici del problema perché senza assunzioni i presidi e i pazienti vengono abbandonati a loro stessi.

In queste condizioni quindi può capitare che un malato attenda tante ore su una barella prima di essere visitato o che il medico in servizio non riesca a prestare le cure-nel minor tempo possibile- perché le persone da visitare sono in numero eccessivo.

Casi analoghi si sono registrati in altri presidi ospedalieri e quindi il verificarsi di tali avvenimenti o disagi per gli ammalati è sinonimo di mancanza di programmazione e di assenza di strategie per cercare di risolvere la problematica in esame.

Ricordiamo che il pronto soccorso dovrebbe garantire interventi tempestivi, adeguati e ottimali per coloro che giungono in ospedale -in modo non programmato- per affrontare le situazioni di emergenza e assicurare così assistenza ai pazienti.

L’obiettivo della politica dovrebbe essere quello di effettuare piani di investimento in quest’ambito per rendere l’attività dei centri di pronta emergenza più efficiente da un punto di vista strutturale; si dovrebbe inoltre favorire l’assunzione di nuove leve per porre fine al problema della carenza di personale sanitario.

 

Dott. Luigi Pinò


Post Correlati